Etichettatura

Può una società tipo Srl figurare come produttore di un vino spumante di qualità? Ipotizziamo che al 1. 1. 2019 la Caio Srl, operante nel settore di commercio vini e consulenze in ambito commerciale, decida di avviare una produzione di VSDQ tipo Doc Trento. Ora, poiché la Caio Srl non ha proprietà di vigneti e/o attrezzature di vinificazione decide di acquistare un prodotto semilavorato, a tale scopo si prospettano due opzioni. A) Acquisto di bottiglie tirate da una cantina e/o azienda agricola (le cui caratteristiche rispondano al disciplinare di produzione di riferimento). A seguito dell’operazione si procederà con lo stoccaggio/ affinamento delle stesse presso un locale idoneo e facendo richiesta di un codice di deposito all’Ufficio repressione frodi di zona. Trascorso il tempo opportuno (secondo disciplinare) la Caio Srl incaricherà un ente (cantina e/o az. agricola) per effettuare un’operazione di sboccatura (in conto lavoro) secondo le sue specifiche. Infine si procederà con l’etichettatura secondo le stesse modalità precedenti, si ritirerà la bottiglia finita che riporterà in etichetta “prodotto da Caio Srl”. B) Acquisto di vini base sfusi da una cantina e/o az. agricola (le cui caratteristiche rispondano al disciplinare di produzione di riferimento). Successivamente si incaricherà la cantina e/o az. agricola di procedere contro terzi (in conto lavoro) ad operare il relativo assemblaggio e quindi, successivamente, il tiraggio del lotto. Quindi si prosegue nell’iter produttivo come riportato al punto A). Alla fine di entrambi gli iter si otterrà una bottiglia etichettata secondo normativa, ma riportante “prodotto da Caio Srl”. Sottopongo quindi ai vostri uffici di competenza il caso sopra riportato e chiedo conferma relativamente alla correttezza delle precedenti operazioni. Risulta quindi possibile produrre, in una di queste due metodologie (o entrambe), uno spumante che riporti in etichetta “prodotto da Caio Srl”?

Per quanto e di nostra conoscenza, allo stato attuale delle cose, requisito essenziale per l’attività che lei vuole svolgere, indipendentemente dall’opzione A o B, e che l’oggetto sociale della società Srl comprenda anche la produzione e/o la trasformazione di prodotti vitivinicoli, o altre dizioni da cui si evinca la possibilità di svolgere attività di produzione di vini. Questo perché sia l’acquisto di bottiglie tirate e la loro successiva elaborazione o l’acquisto di vini sfusi e le successive elaborazioni sono da considerare processi produttivi.

Lo shop di Assoenologi