Registro vino – Dichiarazioni di giacenza /1


Agea ha diramato una nota con cui informa della realizzazione di un nuovo servizio telematico che consente di predisporre la Dichiarazione di giacenza di cui all’art. 23 del Reg. UE 274/2018 a partire dai dati del registro dematerializzato di carico e scarico.


Di seguito si riportano alcune indicazioni sulla modalità di utilizzo del servizio (attivabile collegandosi direttamente al portale mipaaf.sian.it oppure tramite web-service). Per maggiori approfondimenti si rimanda alla documentazione tecnica di prossima pubblicazione.



INFORMAZIONI GENERALI

La dichiarazione di giacenza da registro è facoltativa, l’azienda vitivinicola può scegliere di predisporre le giacenze al 31 luglio a partire dai saldi contabili del registro telematico oppure continuare ad utilizzare le ordinarie modalità di compilazione specificate da AGEA con apposita circolare. Se si sceglie di effettuare la dichiarazione di giacenza a partire dai dati del registro telematico va fatta una dichiarazione per ciascun stabilimento con codice ICQRF (si segnala che nella modalità ordinaria la dichiarazione riporta i dati di giacenza per tutti gli stabilimenti/depositi che ricadono in uno specifico comune).

Nella suddetta dichiarazione sono riportati i saldi contabili del registro al 31 luglio pertanto prima di predisporre la dichiarazione è obbligatorio procedere con la chiusura della campagna vitivinicola tramite l’apposita funzione disponibile nel registro (oppure via web-service). Una volta predisposta, la dichiarazione di giacenza da registro non è modificabile, eventuali successive rettifiche devono essere effettuate con le ordinarie procedure previste dalla circolare AGEA.



SOGGETTI ABILITATI

E’ abilitato alla predisposizione e firma della dichiarazione di giacenza da registro il rappresentante legale dell’azienda viticola oppure un suo delegato. Sono altresì abilitati i Centri di Assistenza Agricola (CAA) che devono obbligatoriamente stampare la dichiarazione predisposta dai saldi contabili del registro, sottoscrivere insieme al rappresentante legale dell’azienda la copia stampata, archiviare la copia sottoscritta, produrre la dichiarazione di giacenza rilasciata contenente il protocollo di accettazione (solo la presenza del protocollo certifica l’assolvimento dell’obbligo). Non è abilitata alla predisposizione della dichiarazione di giacenza da registro l’impresa specializzata.



STABILIMENTI/DEPOSITI AUTORIZZATI

Possono effettuare la predisposizione della dichiarazione di giacenza da registro tutte le aziende viticole che detengono il registro telematico e che hanno effettuato la chiusura della campagna vitivinicola, sono esclusi i registri di carico e scarico relativi a stabilimenti/depositi di aziende avente sede legale nel territorio della regione Toscana e Piemonte per i quali la dichiarazione di giacenza va compilata direttamente sul sistema regionale (es. ARTEA).



DICHIARAZIONE DI GIACENZA – MODALITA’ ON LINE

Per procedere alla predisposizione della dichiarazione di giacenza da registro occorre collegarsi al sito mipaaf.sian.it, è poi sufficiente, dopo il completamento della chiusura della campagna vitivinicola, richiedere la sottoscrizione elettronica dell’atto tramite l’inserimento di un codice numerico (OTP) trasmesso al proprio numero di cellulare (preventivamente registrato e certificato tramite procedura SIAN), al termine dell’operazione si potrà procedere con la stampa della dichiarazione comprensiva del codice a barre e del protocollo di accettazione (che ne attesta la consegna).



DICHIARAZIONE DI GIACENZA – MODALITA’ WEB SERVICE

Per procedere alla predisposizione della dichiarazione di giacenza da registro tramite il sistema di cooperazione del SIAN sono disponibili appositi servizi che richiedono la trasmissione del pacchetto XML di richiesta firmato digitalmente, il sistema controlla che il certificato digitale utilizzato per la firma sia stato rilasciato da una Certification Authority riconosciuta da DigitPA e non sia scaduto. E’ in fase di pubblicazione apposito documento tecnico scaricabile dove sono riportate tutte le informazioni tecniche per la gestione dei servizi web-service predisposti (dati di input/output, URL da richiamare, WSDL) unitamente alle indicazioni su certificato di firma digitale da utilizzare.



DICHIARAZIONE DI GIACENZA – IN SINTESI

Si riassumono nel seguito le principali caratteristiche della dichiarazione di giacenza prodotta a partire dai dati del registro:

A) una dichiarazione di giacenza per ciascun stabilimento con codice ICQRF

B) compilazione in automatico e riporto dei saldi di prodotto vitivinicolo (vino DO-IG, mosto ecc.) al 31 luglio (chiusura campagna da registro)

C) semplice modalità di firma con OTP

D) possibilità di ristampa della dichiarazione rilasciata

E) produzione della dichiarazione secondo il modello di cui alla circolare attuativa

F) trasmissione della richiesta di predisposizione della dichiarazione via web-service tramite XML con certificato di firma



Si rammenta che, se la dichiarazione di giacenza viene richiesta direttamente dal rappresentante legale dell’azienda è prevista la firma tramite OTP (analogamente nel caso di web-service il rappresentante legale invia la richiesta tramite file XML con certificato digitale).

Se la dichiarazione di giacenza è richiesta per il tramite del CAA viene utilizzata la stessa modalità di rilascio attualmente prevista per le dichiarazioni ordinarie AGEA da portale SIAN che prevedono due distinte fasi, nella prima va richiesta la predisposizione della dichiarazione di giacenza (stato STAMPATO) che viene prodotta e stampata secondo il fac-simile (con il codice a barre) per consentirne la presa visione da parte del richiedente, dopo la sottoscrizione della dichiarazione da parte del richiedente e l’archiviazione della dichiarazione da parte del CAA, è possibile effettuare il rilascio della dichiarazione (stato RILASCIATO), a questo punto viene aggiunto alla dichiarazione il protocollo di accettazione (che certifica l’assolvimento dell’obbligo). Anche per la parte web-service sono previste distinte richieste XML al sistema di cooperazione del SIAN senza certificato digitale.


Scarica il decreto del Ministero delle politiche agricole n. 7130 del 25 luglio 2018  "Disposizioni nazionali di attuazione del Regolamento delegato UE 2018/273 e del Regolamento di esecuzione UE 2018/274 della Commissione dell’11 dicembre 2017 inerenti le dichiarazioni di giacenza dei vini  e dei mosti"

Lo shop di Assoenologi