Decreto ministeriale "Istituzione del registro unico dei controlli ispettivi sulle imprese agricole"


Nella Gazzetta Ufficiale del 29 ottobre è stato pubblicato il decreto ministeriale istitutivo del RUCI, il Registro Unico dei Controlli Ispettivi. Il RUCI servirà ad evitare la duplicazione dei controlli nelle aziende e a  rendere più efficiente il lavoro degli organismi che svolgono le verifiche.



COSA E’ IL RUCI  Il RUCI è uno strumento di supporto alle amministrazioni pubbliche per effettuare i controlli di propria competenza e per una più razionale programmazione degli stessi, ferma restando l’attuazione dei controlli straordinari ed urgenti. Questo archivio informatico contiene per ogni controllo: data; anno di riferimento; ente competente; ente esecutore; nominativo del controllore; impresa agricola controllata; settore; tipologia; documentazione controllata o riproduzione elettronica dei verbali; esiti; estremi dei verbali o riproduzione elettronica dei verbali.

I DATI Nel RUCI affluiscono i dati concernenti i controlli effettuati da parte di organi di polizia, organi di vigilanza, organismi pagatori, nonché da organismi privati autorizzati allo svolgimento di controlli a carico delle imprese agricole.

COORDINAMENTO CON LE REGIONI I Registri unici di controllo istituiti dalle regioni e il RUCI nazionale condividono le informazioni in maniera costante e con stretto coordinamento.

COME FUNZIONA Il pubblico funzionario, prima di effettuare una nuova ispezione, verifica attraverso il RUCI gli esiti dei controlli precedenti al fine di evitare sovrapposizioni e di intralciare l’esercizio dell’attività d’impresa.


Scarica il testo integrale (pdf)

Lo shop di Assoenologi