Circolare Icqrf n. 10687 – Indicazione del taglio in MVV in presenza di doppio vitigno

Nella nota n. 10687 l’Icqrf chiarisce che nella casella 17.2.1.a del documento di accompagnamento MVV di un prodotto vitivinicolo sfuso designato con l’indicazione del doppio vitigno, in virtù del fatto che è già stata apposta l’indicazione dei due vitigni, deve essere indicato il codice “0” invece del codice “7”.



Precisa inoltre che:



– nel caso di un prodotto designato con il nome di due o più varietà di vite (o i loro sinonimi), ottenuto al 100%  da tali varietà (in base all’art. 62 del Reg. (CE) n. 607/2009), è corretto indicare il codice (0) e non il codice (7), perché quest’ultimo fa riferimento ad un prodotto che è stato ottenuto mediante il taglio con un prodotto proveniente da una varietà di vite diversa da quella indicata nella designazione.



–   il codice (7) è più correttamente indicato solo nel caso in cui il documento menzioni una sola varietà di vite per il prodotto scortato ottenuto mediante un taglio, posto che, solo in questo caso, è possibile che tale prodotto contenga, al massimo fino al 15%, un prodotto proveniente da una varietà di vite diversa da quella indicata sul documento.



Quanto sopra è applicabile anche per quanto riguarda la tenuta del registro telematico.



L’Icqrf precisa, tuttavia, che, anche nel caso in cui, nei documenti di accompagnamento o nel registro telematico, sia stato indicato il codice (7) in relazione ad un prodotto trasportato designato con l’indicazione di due o più vitigni ottenuto mediante un taglio, non può ritenersi violata alcuna norma, posto che l’indicazione del codice stesso segnala sia l’informazione veritiera relativa all’esecuzione del taglio, sia l’informazione relativa alle varietà di vite presenti che è, comunque, palesemente ricavabile dalla compresente indicazione delle stesse varietà nella casella 17p



Clicca qui per scaricare la nota Icqrf  n. 10687 dell’8 agosto u.s. in versione integrale

Lo shop di Assoenologi