Stoccaggio privato dei vini di qualità – Chiarimenti dal Mipaaf

3 Marzo 2021 – Il Ministero delle Politiche agricole, con la circolare n. 100864 del 2 marzo 2021, ha chiarito alcuni aspetti relativi allo stoccaggio dei vini di qualità previsto dal DM 9341040 del 26/11/2020:

– MOVIMENTAZIONE DEL PRODOTTO SUCCESSIVAMENTE ALLA STIPULA DEL CONTRATTO.
In linea generale non è consentito spostare il prodotto dalla ubicazione dichiarata nella domanda di accesso alla misura. Tuttavia, sono consente movimentazioni nel caso in cui:
a) Il vino deve essere sottoposto a trattamenti, ritenuti necessari al fine di mantenerne inalterate le caratteristiche chimico/fisiche ed organolettiche.
b) Travaso o trasferimento in altro vaso vinario del prodotto stoccato per motivi di natura tecnica o per causa di forza maggiore.
Le operazioni sopra indicate possono essere effettuate solo nel medesimo stabilimento in cui i prodotti sono stoccati e dovranno essere annotate sul Registro telematico dello stesso.
– CAPACITA’ DEI SERBATOI
E’ consentito collocare il quantitativo di vino in stoccaggio in serbatoi di volume nominale superiore rispetto alla quantità oggetto dell’aiuto, anche unitamente ad altro vino, purchè appartenente alla medesima tipologia ed avente gli stessi requisiti merceologici del vino stoccato.
– CAMBIO DI CATEGORIA
Qualora oggetto della domanda di aiuto siano vini atti a divenire DOC o DOCG, è consentito effettuare il cambio di categoria da vino atto a vino certificato nel caso in cui, prima della scadenza del periodo di stoccaggio, sia stata richiesta ed ottenuta la certificazione per tali vini.

 

Circolare Mipaaf n. 100864 del 2 marzo 2021

DM n. 9341040 del 26 novembre 2020

Circolare Agea n. 78889 del 27 novembre 2020

Modello domanda Agea

Fac-simile fidejussione

Visita il sito del Ministero delle Politiche agricole

Visita il sito di Agea

Lo shop di Assoenologi