Percorso navigazione:Rivista L'Enologo
Rivista L'Enologo – Gennaio Febbraio 2018

Rubriche e articoli di servizio utili e ricchi d’informazione. Si presenta nel migliore dei modi la nuova edizione de l’Enologo, organo ufficiale di Assoenologi.
Il nuovo restyling grafico è stato accompagnato da una rivisitazione del taglio e dei contenuti degli articoli per offrire agli associati e agli abbonati uno strumento interessante e utile per affrontare i vari aspetti della nostra professione.

 







SOMMARIO

EDITORIALE

UN FERVIDO AUGURIO PER I FUTURI DESTINI DEI NOSTRI VINI NEL MONDO
 
Leggi di più...
di Riccardo Cotarella
7
QUANDO IL VINO SI FA CULTURA
 
Leggi di più... Al di là di ogni deprecabile eccesso, gli effetti del vino sono da sempre controversi. E non per la diversità dei giudizi, che pure ne hanno segnato la storia, quanto per il vino stesso che afferma e nega le sue peculiarità in un’alternanza di luci e ombre, che hanno dato vita a uno dei topos letterari più frequentati. L’articolo di Nino D’Antonio anticipa la nuova rubrica della rivista dedicata a “Vino e Arte” che ne arricchisce i contenuti nella direzione di una cultura del vino a tutto tondo. Non solo tecnologia, scienza e normative, ma anche legame con la storia, l’arte, la letteratura, il territorio e le nostre tradizioni.
di Nino D'Antonio
18
BIODINAMICA PER L’AUTENTICITÀ DEL GUSTO
 
Leggi di più... La biodinamica non è altro che climatologia (calore, luminosità, idrometria) captata dalle foglie, e geologia (natura del suolo) captata dalle radici e dalla micorriza. La sua sfida è ottimizzare la piena espressione delle Doc. Un vino che viene da uve ben nate non ha bisogno di interventi enologici o di tecnologia in cantina. Attualmente, la biodinamica è il miglior catalizzatore esistente per ritrovare l’autenticità dei gusti delle denominazioni e quindi dei diversi terroir.
di Nicolas Joly
27
ESEMPI DI PRATICHE SOSTENIBILI IN NAPA VALLEY
 
Leggi di più... Steve Matthiasson e sua moglie Jill Klein hanno iniziato ad occuparsi di sostenibilità in agricoltura già venticinque anni fa. Con il suo intervento ha voluto fare un quadro degli ambiti di sostenibilità su cui attualmente si sta lavorando nell'area della Napa Valley. L'idea di fondo consiste nel non limitarsi a pensare alla propria terra, ma anche a come essa si correla con il paesaggio circostante.
di Steve Matthiasson
29
PERCHÉ SERVONO NUOVI PORTINNESTI PER LA VITE
 
Leggi di più... L’approfondimento degli studi di fisiologia e di genomica, relativi al ruolo dell’apparato radicale nella regolazione e nel funzionamento dei processi vegetativi e riproduttivi della chioma, hanno in questi anni aperto delle nuove prospettive nel miglioramento genetico dei portinnesti, considerati non solo per la resistenza alla fillossera o al calcare attivo, ma per le loro capacità di modulare il rapporto interattivo del vitigno con i vari ambienti di coltivazione.
di Attilio Scienza
34
LA SOSTENIBILITÀ ECONOMICA NEL MODELLO ANTINORI
 
Leggi di più... Antinori è un’azienda storica con radici antiche nel Chianti classico, ma proprietaria di ben 19 tenute in cinque diverse regioni d'Italia (Toscana, Umbria, Puglia, Lazio, Lombardia), per una superficie vitata complessiva di 2300 ettari. Areali di produzione molto diversi con obiettivi enologici distinti. Aree in cui la gestione è biologica, altre invece in cui è sostenibile ma non certificata, per lascar spazio, qualora ci fosse la necessità, di salvaguardare l’integrità delle uve. Analisi comparativa dei costi.
di Renzo Cotarella
38
L’ALTA RISTORAZIONE COME ESPERIENZA SOSTENIBILE
 
Leggi di più... Cosa vuol dire oggi alta ristorazione? Coincide con la ristorazione di lusso? E cos’è la ristorazione di lusso? Se è alta cucina e servizio perfetto è sufficiente? Cosa significa quindi sostenibilità nell’alta ristorazione? Sono questi gli interrogativi a cui hanno cercato di rispondere il panel di esperti che hanno preso parte alla tavola rotonda condotta al 72° Congresso dalla giornalista, esperta di gastronomia, Fiammetta Fadda.
di Laura Bacca
40
L’ENOLOGO? PER UNIPOLSAI È COME UN’OPERA D’ARTE
 
Leggi di più... Nasce una polizza specifica, pensata come un plus per l’enologo. Firmata da UnipolSai e tenuta a battesimo da Assoenologi, la nuova copertura Infortuni mette al sicuro il patrimonio più importante: voi stessi. Con questa polizza Infortuni, dedicata esclusivamente alla vostra professione, la Compagnia accorda all’enologo il valore che davvero merita, quello di un’opera d’arte.
di Anna Fasoli
59
DALLA TAVOLA ROTONDA ORGANIZZATA A VERONA SU CAMBIAMENTO CLIMATICO E VITICOLTURA
 
Leggi di più... A Verona, nell’Auditorium del Centro Congressi di Veronafiere, lunedì 4 dicembre eravamo in centinaia. Tutti alla ricerca di risposte e conoscenze su un tema che preoccupa molto il nostro settore, ovvero il cambiamento climatico e la sua ripercussione sulla vite e quindi sui nostri vini. L'iniziativa, organizzata da Assoenologi in collaborazione con Veronafiere, ha avuto un grande successo, grazie anche alla presenza di qualificati ospiti quali Attilio Scienza e Luigi Mariani dell’Università di Milano e Nathalie Ollat, dell’Inra di Bordeaux. Nell’articolo il resoconto di quanto emerso nell’ambito del confronto, coordinato dal nostro presidente Riccardo Cotarella.
di Laura Bacca
60
FORMAZIONE CONTINUA NON UN OBBLIGO MA UN’OPPORTUNITÀ
 
Leggi di più... L’intento di Assoenologi è quello di far percepire la formazione continua un’opportunità e non un obbligo, perché siamo profondamente convinti che per fronteggiare le sfide che ogni epoca ci pone davanti, la cultura, il sapere sono indispensabili e indispensabile è per l’enologo e la sua professione adeguare il proprio livello di preparazione alle più avanzate conquiste della scienza e saper selezionare, tra le tante innovazioni tecnologiche, quelle più utili ai propri fini produttivi.
 
63
IL PRIMO FESTIVAL ITALIANO DI BOLLICINE DA TUTTO IL MONDO
 
Leggi di più... “Alla sua decima edizione - ha sottolineato il presidente delle commissioni Riccardo Cotarella - il Challenge Euposia ha mostrato una solida maturità confermata dalla qualità della Giuria internazionale. I campioni in competizione hanno testimoniato la forza della grande scuola francese, ma ha anche dimostrato come la "forbice" fra champagne e metodo classico italiani ed internazionali vada chiudendosi e come stia diventando sempre più interessante ed importante il segmento dei vini prodotti da coltivazioni biologiche e biodinamiche.
di Carlo Rossi
67
5 STAR WINES LA SELEZIONE DEI MIGLIORI VINI DA TUTTO IL MONDO
 
Leggi di più... Torna anche quest’anno l’evento internazionale 5StarWines, che si svolgerà dall’11 al 13 aprile 2018 presso Veronafiere. Tre giorni dedicati interamente alla degustazione e valutazione dei vini provenienti da tutto il mondo che culminano con la raccolta dei migliori vini nella guida 5 StarWines - the Book. Ian D’Agata, direttore sScientifico di Vinitaly International Academy, guiderà una giuria selezionata, composta da esperti di settore internazionali e di specifica conoscenza geografica.
 
69
AGROMETEOROLOGIA VITICOLA. ANALISI E TENDENZE NOV. /DIC. 2017. COMMENTO METEO-CLIMATICO ALL’ ANNO 2017
 
Leggi di più... l commento meteo-climatico dell’anno 2017 considera da un lato l’andamento meteorologico e dall’altro esegue un confronto con il clima inteso come media del trentennio precedente. Ovviamente l’annata è stata oggetto di singoli commenti mensili ed in questo numero della rivista compaiono per completezza anche i commenti ai mesi di novembre e dicembre allo scopo di garantire ai lettori la necessaria continuità delle informazioni.
di Luigi Mariani, Gabriele Cola e Simone Parisi
84