72° Congresso nazionale Assoenologi

Firenze, 17/20 novembre 2017
"La scienza della sostenibilità del vino".

Firenze

E' STATO UN SUCCESSO!


È stato il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina ad aprire ufficialmente il 72° Congresso, nel pomeriggi di venerdi 17 novembre, davanti a un pubblico di ottocento persone.

Per i 2 giorni successivi si è affrontato il tema della Sostenibilità. Un tema unico, affrontato da diversi punti di vista, per fare chiarezza su una parola molto in voga ma di cui spesso non si comprende appieno il significato. A parlare di questo tema si sono alternati dieci relatori di grande competenza e professionalità:
Riccardo Ricci Curbastro. Attuale presidente di Federdoc e Equalitas. Ruggero Mazzilli. Agronomo, specialista in viticoltura ed enologia presso l’Università di Torino. Nicolas Joly, definito “Il globe trotter più bio-dinamico del pianeta. Steve Matthiasson. Proprietario, viticoltore, enologo della “Matthiasson Wines” in Napa Valley, nominato “winemaker dell'anno” dalla San Francisco Chronicle e quattro volte in lizza per il James Beard Award. Ruenza Santandrea, alla guida dal 2005 del gruppo cooperativo romagnolo Cevico e di aziende controllate e collegate, portavoce e coordinatrice del Settore Vitivinicolo - Alleanza Cooperative Italiane Agroalimentare. Stefano Vaccari, capo del Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari – Icqrf. Andrea Zanfi, grande appassionato di viaggi, ha svolto numerose attività nell’ambito del marketing e della comunicazione. Oscar Farinetti,  Imprenditore e dirigente d'azienda, fondatore della catena Eataly, di cui è oggi Presidente. Renzo Cotarella, agronomo ed enologo, amministratore delegato della Marchesi Antinori. Attilio Scienza, titolare del corso di Miglioramento genetico della vite e del corso di Viticoltura di territorio dell’Università degli Studi di Milano.

E non dimentichiamo le degustazioni: quella del pomeriggio del 17, quando con Pierluigi Gorgoni, giornalista, per dieci anni autore e degustatore della Guida Vini d’Italia de l’Espresso, e Filippo Bartolotta, uno dei più esperti food&wine tester, si osno degustati sei vini tra i più rappresentativi della produzione regionale. Per continuare, nel pomeriggio di sabato 18, con i vini portoghesi, guidata da due enologi di spicco: Jose Maria Soares Franco, di J, Portugal Ramos, azienda tra le più rappresentative del Portogallo a livello internazionale, e David Guimaraens, della blasonata cantina Taylor’s Fladgate.
Pe quanto riguarda la degustazione di domenica 19, invece, mai nella storia dei congressi di Assoenologi se ne era proposta una di vini così pregiati come quella di Tignanello e Sassicaia. Le due pietre miliari dell’enologia italiana- in Magnum annata 2008 – sono state esposte durante i lavori congressuali, quali ambasciatrici della grande vitivinicoltura regionale. Ha condotto la degustazione Luciano Ferraro, esperto di vino e capo redattore centrale del Corriere della Sera.

Un altro grande momento è stato quello della presentazione al pubblico di Vinifera - il nuovo libro edito da Assoenologi sui vitigni d’Italia firmato dagli enologi che ha avuto un enorme successo di vendita.


L’appuntamento è stato dato, dal Presidente Riccardo Cotarella, al 73° Congresso, che si svolgerà nel mese di luglio, nella meravigliosa città di Trieste.

Clicca qui e guarda le immagini del 72° Congresso

Firenze Firenze